marcogesiot.com logo

Tu luce

Una splendida luce mi apparve
era bellissima, irresistibile.
La fissai, e la fissai...
e la fissai ancora.
Troppa luce per i miei occhi.
In un istante fu il buio.
Buio totale.
Buio annientante.
Brancolai.

Passarono i giorni e gli anni.
Passarono nel buio.
Peggio.
Passarono nella privazione della luce.

Senza la luce tutto diventa informe
inutile, vano.

I sensi si spengono
per trascinarti avanti,
ma sopravvivere è ben lungi da vivere
ed a volte è anche peggio di morire.

Poi un giorno: tu.

tu splendida luce primordiale
tu vivida luce del mattino
tu vitale luce del giorno
tu calda luce della sera
tu affascinante luce degli astri.

tu luce

tu fredda luce di folgore
tu calda luce di focolare

tu luce sei riapparsa ai miei occhi

tu luce hai sconfitto la prigione di tenebra
tu luce hai sconquassato l'oscura cripta

tu luce ora riscaldi la mia pelle
tu luce ora arrossi i miei occhi

occhi doloranti
occhi per anni avidi e poi arsi nell'aridità
occhi che tornano a brillare



ora lo so

la luce tanto può dare e tanto può togliere

Eppure
splendida luce
io canto il tuo ritorno
io canto te

perché tu sei luce
perché tu sei vita.

Share
Link
https://www.marcogesiot.com/tu_luce-g42
CLOSE
loading