marcogesiot.com logo
« < >

Passeggiando sul Grappa - DIAPORAMA- 2004


Il sole sta per sorgere sul laghetto della val delle Mure, la luce inizia a filtrare e a colorare l’alba

Mentre attendiamo l’evento potrebbe capitare di incontrare qualche simpatico “animaletto” ..questo lo conosciamo è un ROSPO SMERALDINO

Ed ecco il sole che inizia a riscaldare l’ambiente.
In un istante fa capolino


Si innalza veloce nel cielo, lasciandoci senza parole.

Si creano affascinanti giochi di luce....

Però se vogliamo passeggiare non possiamo trattenerci , e già le indicazioni ci chiamano, verso cima Grappa

la foschia del fondovalle è ancora ben evidente e delinea i profili della cima della MANDRIA di cui si intravede la vedetta.

Saliamo lentamente godendoci il mondo che si risveglia nel fresco della mattina

Le indicazioni ci guidano sicuri anche dove il sentiero non è evidente

Fino a portarci all’agognata meta

Dalla cima, proviamo a goderci il panorama. Spesso verso il BOCCAOR la foschia non si alza e vediamo solo il succedersi dei profili

Ma in alcune mattine, specie d’ inverno, la pianura ci appare nitida e vicina..

E guardando bene si distingue anche la laguna veneta, con la sua perla: Venezia.


La valle di S.felicita partendo da Semonzo si incunea nel massiccio del Grappa. Qui La vediamo da Costalunga a DX il cornosega a sx il Campeggia ..lontano sullo sfondo cima Grappa

In val del campo, alcune case e il bosco che placido riprende possesso sui pascoli.

il filo spinato rimane una realtà sul Grappa, oggi per fortuna solo per l’allevamento.

Dal m.te Prassolan, pozze d’alpeggio e una vista della dorsale verso il mt.e Tomatico, ultima cima del massiccio verso Feltre.

Giochi di luce nei pascoli della val D’archeson.


Ovini al pascolo nei pressi della croce dei Lebi.
I ritmi naturali riprendono possesso dei luoghi di terribile sofferenza.


Cima Mandria, un profilo che spicca anche dalla pianura.


Dalla piana di Campocroce, verso la Legnarola..alle nostre spalle il Cornosega.

Da Camporosso verso la Val Sacra.

Ranuncoli in vista del monte Colombera

La costa del monte Meda che scende nella val di Poise

Dal M.te Meda, verso la pianura da destra si delineano il colombera ed il Palla


Un cielo meraviglioso, metafora di liberta’...il filo spinato ci riporta a confini terreni

Cason d’ardosa, sullo sfondo il M.te Boccaor con la costa dei sass brusai

Sempre il cason d’ardosa, visto dal monumento ai caduti partigiani; in primo piano un camoscio “soffiante” infastidito dalla mia presenza

Da cima Grappa, lo sguardo segue la via verso la pianura

Dalle Bocchette verso l’albergo Forcelletto, a sinistra il mt.e Pertica a dx il M.te Buratto.

Dalla croce dei lebi verso il pian dela bala, la pianura viene incorniciata a sinistra dal Boccaor

La placida val delle Mure, incastonata da una parta dal col dell’orso, i salaroli e il Valderoa, dall’altra, dal Boccaor dal Meatte e dalla Spinoncia

ruderi del cason boccaor

L’autunno nelle Mure, i colori si specchiano nelle pozze d’alpeggio.

Le coste basse del col dell’orso mostrano alle mure il vestito ottobrino.


Il cason del sol...
In attesa del ritorno di momenti più rigoglios


Le stalle dei casoni delle mure..l’allevamento sul Grappa sta tornando ad antichi fasti

Dalla croce dei lebi verso l’osservatorio

Il Grappa ci sembra vicino dal m.te casonet...ma i residuati bellici ci ricordano che non fu sempre cosi’

Da Valpore di cima, dopo un’abbondante nevicata un invidiabile panorama sulle le vette feltrine.

Camminando d’inverno, la fatica aumenta, ma i premi non son da meno.

Una casera solitaria, isolata dalla neve, incorniciata dai boschi.

Da cima Grappa le valli fra l’asolone ed il pertica, poi l’altopiano di Asiago

Nella val delle bocchette, verso casera prassolan, seguiamo la via per un nuovo capitolo


La grande guerra ha lasciato segni che ancor oggi straziano il territorio...

Grotte, naturali e scavate...

Dalle quali i soldati certo non percepivano la quiete di questo paesaggio

Alcune trincee iniziano a confondersi con i pascoli

Altre incidono ancora profondamente la montagna.

Il col dell’orso, martoriato dal fuoco d’artiglieria.

Quasi dovunque possiamo osservare i segni degli scoppi

Sul monte Prassolan, in primavera

E d’inverno....

La Val Vecchia e il pian de la bala

il limitare dell’abisso spaurasso, la trincea che porta fino all’osservatorio

E la malga valpore di cima....


Aggrappato ad una roccia si gode il tepore del sole il CAMEDRIO ALPINO, colonizzatore di ghiaioni.

PRIMULE annunciatrici di primavera

Anemone Fegatella
Hepatica trifolia

ANEMONE PULSATILLA
Fiori di Farfara..

Crocus purpureus e scilla bifolia

Stame di crocus - zafferano sevatico

Le Genzianelle di primavera addolciscono l’ingresso di una postazione in galleria

A volte anche da Secchi i fiori mantengono una loro Bellezza
scilla bifolia


Giglio di S.Giovanni

E il Giglio - lilium- Martagone
- riccio di dama -


Anemone narcisino
- anemone narcissiflora -


Genzianelle di primavera (sul prato....)
Ranuncoli....


Intento a pranzare questo dittero si difende con il mimetismo....sembra un’ape

Distesa di Narcisi a Col Campeggia

Il narciso ...fa il narciso.

Orchidea sambucina nelle sue due colorazioni tipiche
Dactylorhina Sambucina


Orchidea sambucina e Genziana Clusiana


Il vento lavora sulla neve, creando trame desertiche

Il Grappa è molto battuto dal vento, e d’inverno bisogna tenerne conto

in poche ore il paesaggio può cambiare radicalmente, con accumuli di neve di diversi metri

in caso di scarsa visibilità si rischia di non riuscire ad orientarsi tanto modifica i paesaggi
Se velocemente crea accumuli di neve, ancor di più porta dense masse nuvolose

A questo punto sarebbe saggio tornare verso casa.....

Certo il vento crea paesaggi incredibili

...e ci meraviglia con i suoi scherzi, a volte troviamo intere foreste gelate...


nel sottobosco nasce l’ammanita........un ottimo fungo....da fotografare

L’autunno accende le tonalità del bosco...non possiamo non ammirare il tripudio di caldi colori.




Nei boschi, lame di luce creano atmosfere fiabesche che ci riportano bambini
Guardando il Grappa sembra che non vi si trovi molta acqua, ma tale fonte di vita, a volte scorre sotto lussureggianti fronde

Il maggiociondolo rallegra la primavera con i suoi colori

Cono femminile di larice, la vita rinasce !

Nel bosco ...attenzione.... O Si finisce col mangiar ragnatele

Poi le foglie cadono a terra formando tappeti maculati
Tappeti solo a volte movimentati da verdi intensi

La neve ammanta tutto di candida veste

e ci dona romantiche visioni


Partiamo per una piccola gita con gli sci da alpinismo ai piedi, stiamo salendo dal monte pertica verso cima Grappa

I paesaggi che gia’ da subito ci accolgono rendono più leggera la fatica della salita.

Comunque queste bacche di Rosa canina ci offrono un’ottima scusa per riposare un attimo...sono talmente belle...

Ci siamo lasiati indietro il pertica e il limitare dell’abisso spaurasso..sullo sfondo vediamo il monte lisser e le cime dell’altipiano di asiago

L’acqua...scende come neve, si scioglie al sole, si ghiaccia su arditi steli d’erba...in ogni sua forma riesce a stupirci.

Una saxifraga con la complicita’ del sole cerca una via d’uscita dal ghiaccio

Superiamo le ultime creste innevate...
Per raggiungere finalmente l'osservatorio del Grappa.


La visuale che ci attende è mozzafiato, dall’altipiano di asiago, a cima d’asta, le pale di s.martino il coppolo le vette, le dolomiti..si vede perfino potente la spalla del Pelmo. Poi il Cesen, la valle del piave...fino a venezia

Ma possiamo guardare piu’ vicino e perderci nelle sinuosita’ che la neve evidenzia nel terreno

O dare uno sguardo verso le bocchette ed accorgerci che sullo sfondo del forcelletto si supera d’un balzo la valsugana per posarsi su Enego

O tornando a guardarci intorno...soffermarsi su qualche scherzo del gelo

Uno sguardo verso il percorso che vogliamo seguire e ci accorgiamo che qualcuno ci ha già preceduto.

Scendiamo anche noi lungo lo stretto vallone, verso il cason dei Lebi.

Goduta la discesa, ci troviamo di fronte ad una scelta....ma qui ci ha preceduto solo una lepre..

Possiamo decidere di andare verso il rifugio Bassano...

Fra rari alberi carichi di neve

Fino a raggiungere il parcheggio sottostante all’ossario..

Oppure, sempre partendo dall’osservatorio possiamo proseguire fino al cason dei lebi

Costeggiare l’omonima valle seguendo l’anello naturalistico del Grappa

Proseguiamo, dentro e fuori dal bosco....

Fino a raggiungere le bocchette...

Nel frattempo la luce della sera inizia a donarci nuovi colori

Ci guardiamo indietro e cerchiamo le tracce dove siamo saliti

E quelle dove siamo scesi...

Magari compiacendoci delle serpentine tracciate

La luce diventa magica...

I colori ci rapiscono...

In pochi istanti il sole ci saluta, lo vediamo scendere all’orizzonte..e’ ora di tornare


Ho trovato doveroso inserire una piccola sezione per l’ossario di cima grappa, potrei commentare a lungo cosa rappresenti, o la storia che lo circonda...ma è ancora talmente vivo in noi il ricordo che lascerò parlare solo poche ma intense immagini







Il sole si abbassa all’orizzonte, ci fermiamo per godere degli ultimi panorami della sera

A volte la pianura diventa invisibile, celata da un mare di nuvole

Un mare che sembra in tempesta...

La neve e la luce dell’imbrunire ammantano di fascino cima Grappa.

Guardando verso il rifugio scarpon

Il sole che scende rende magiche le atmosfere anche per qualche filo d’erba

Acuni tramonti verso i colli alti



Il sole e’ ormai scomparso


Si accendono le luci naturali sul grappa

La luna fa da sfondo a questi fiori secchi che in dialetto chiamiamo fior del mal de testa....non so se la proiezione abbia gia’ avuto quest’effetto ...ma a scanso di equivoci su quest’immagine concludiamo la nostra passeggiata.


Share
Link
https://www.marcogesiot.com/passeggiando_sul_grappa_diaporama_2004-r3579
CLOSE
loading